Ansiamente io&te

[Canzone consigliata: Noi sei tu – Gazzelle]

«Come stai?»

«Ho l’ansia»

«Questa conversazione è già partita male. Dovresti dirmi “io sto bene, ma ho una leggera ansia.“ così io sono poi portato a chiederti il perché. Ricominciamo dai. Come stai?»

«Bene, però ho un po’ d’ansia…»

«Oh che sorpresa, come mai?»

«La vita va troppo veloce.»

«In che senso?»

«Siamo diventati grandi Norbi…Non senti il peso del futuro? Non hai paura?»

«Ah così? Diretta così? Mamma mia, aspetta che respiro un attimo…comunque si, ho paura, ma cerco di non pensarci troppo…»

«Tipo ieri mi sono fermata dieci minuti a pensare sulla mia vita e…»

«Addirittura dieci minuti?!?! Sei troppo avanti!»

«Stupido! Ho pensato in ordine a queste cose: ultimo anno di università, finita l’università non sarà più la stessa cosa, cambieranno i tempi, le abitudini, le persone. Poi dobbiamo cercare un lavoro, quindi curriculum, stage, i primi stipendi. Poi la casa, dovrò prima o poi andare a vivere da sola, quindi lasciare i miei, dovrò cucinare, pulire, stirare, vivere da sola, oppure convivere con il mio ragazzo o con delle amiche. Tutto nel giro di pochi mesi molto probabilmente. »

«Si, messa così è una valanga che ti distrugge…»

«Poi convivere. CONVIVERE! Ti rendi conto?»

«Si, però calma. Così mi fai venire la tachicardia»

«Ma è così Norbi! Siamo diventati grandi e non sono sicura di essere pronta.»

«Ti posso dire una cosa? Nessuno di quelle persone che conosci è pronta a nessuna di queste cose. I grossi cambiamenti che hai detto, sono dei macigni. Serve tempo per interiorizzarli e accettarli. Tutti noi abbiamo paura, io molta di più su certe cose che di altre. Ma bisogna respirare e vivere un po’ più il presente, e cercare di pensare un po’ meno al futuro.»

«Si, ma su certe cose non riesco a non pensarci.»

«Facciamo così. Ti racconto di cosa ho paura. Ho paura di finire l’università. Ho paura di cambiare le mie abitudini, e le persone che ho conosciuto. Ho paura di cercare un lavoro e non trovarlo. Ho paura di andare a vivere da solo, ma ho ancora più paura di andare a convivere con altre persone. Ho paura del futuro, ma solo perché non lo conosco.»

«Però se ci pensi questo futuro è molto oscuro e tenebroso.»

«Tutti i futuri sono oscuri e tenebrosi. Anche le persone che sono sicure e organizzate hanno un futuro come il nostro. La differenza è come affrontare il presente per poi vivere il nostro futuro. Non credo sia né facile né tranquillo fare così, ma è l’unico modo.»

«Grazie Norbi! Comunque anche tu hai paura di convivere?»

«Diciamo che, in questo momento, la trovo la cosa più difficile. Ormai mi conosci, non mi devi assillare o starmi addosso per troppo tempo. Figurati avere una persona accanto, potenzialmente per 24 ore, che non mi molla un secondo. Impazzirei subito.»

«Hai ragione. Anche io avrei difficoltà, in molti casi alcune copp…»

«Facciamo che sulla convivenza tra fidanzati ne parliamo la prossima puntata. Se no sembra una seduta da una psicologo. Posso chiederti una cosa importante?»

«Si certo. Dimmi pure»

«La cheesecake al mango secondo te è buona?»

«Sei pessimo.»

«Va bè, il nostro futuro sarà pure oscuro e tenebroso, ma sono certo che non sarà amaro.»

«Chiudi con questa frase da Bacio Perugina?»

«Ovviamente. Sono pur sempre un fan del romanticismo 2.0»

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: