Gioventù Bruciata

[Canzone consigliata: La musica non c’è – Coez]

«Ma stasera cosa fai?»

«Boh, forse sto a casa»

«Una Gioventù Bruciata insomma»

«Bruciatissima! No, è che non ho nessuna voglia di uscire. Sono stanca, ho sonno e c’è qualcosa di bello in tv.»

«A parte che dire “sono stanca” e “ho sonno” è una ripetizione inutile…»

«Madonna che noioso pedante che sei»

«Va bene, comunque che guardi in tv? C’è ancora qualcosa da guardare in televisione?»

«Su SkyCinema c’è un bel film»

«Immagino, chi sceglie i film su SkyCinema è o un ragazzino di 12 anni o uno con seri problemi alla vista e al gusto. È imbarazzante.»

«Ma non è vero! Alcune volte ci sono dei bei film, c’è anche la parte dei film romantici.»

«Un genere inflazionato…»

«Si bé alcuni sono troppo sdolcinati, ma altri sono speciali»

«Tipo?»

«Be, aspetta…»

«Dei film pazzeschi a quanto vedo!»

«Calma, dammi due secondi…Ah ecco! “La Verità è che non gli piaci abbastanza“»

«A chi?»

«Cosa vuol dire “a chi?”»

«Tu hai detto “la verità è che non gli piaci abbastanza”, quindi ho detto “a chi?”»

«Ti credi brillante dopo questa battuta?»

«Un pochino»

«Quasi per nulla»

«Che antipatica! Comunque, posso fare un commento a questo film o devo dire che “è bellissimo”?»

«Prima mi dici “è bellissimo”, poi commenti.»

«E’ BELLISSIMO, STUPENDO, ECEZZIONALE AMICI, SCIABOLATA…»

«Cosa c’entra “sciabolata”?»

«Nulla nulla, mi sono fatto prendere dall’emozione.»

«Adesso puoi commentare, se vuoi…»

«Quel “se vuoi” non mi spaventa, sappilo.»

«Si si, vedremo»

«Comunque, secondo me quel film illude. Illude e basta. A parte che dipinge l’uomo come un povero stronzo. A memoria, c’è uno che non vuole sposarsi e quindi non ama veramente la sua compagna, uno che mente alla sua compagna su una cosa futile, quindi lui mente su tutto e tradisce (poi che succeda è un altro discorso), poi c’è quello che tratta male le donne e se ne porta tutte a letto, poi smonta quella povera crista innamorata e poi alla fine lui si innamora di lei…dai che cazzate su. Siamo seri.»

«A parte che il primo tipo poi finisce bene, il secondo è uno stronzo perché se menti su quella cosa, come faccio poi a fidarmi di te? Il terzo è una storia d’amore. Lei si innamora di tutti, lui che non ama nessuna, poi lei si innamora di lui, lui si spaventa e l’allontana, lei va via, e lui poi si innamora e va da lei e si mettono insieme.»

«E secondo te ha un senso?»

«Si! Ovvio, è una cosa romantica! Se no sarebbe una tragedia o un film drammatico.»

«Si ma non ha senso.»

«Perché l’amore ha senso?»

«Ovviamente, l’amore, in senso generale, è quella cosa che permette all’uomo di dare un senso alla sua esistenza. 1 a 0 e palla al centro mia cara.»

«Sei veramente fastidioso. Quindi la gelosia, la sofferenza di un tradimento o di un abbandono, e altre miliardi di cose fanno parte di un unico pacchetto?»

«Si»

«Ah tutto qua? “Si”? Un pensiero profondo, complimenti!»

«Il tradimento o essere lasciati sono incidenti, non è che la vita è tutta in discesa e così non è l’amore. Se uno avesse l’algoritmo per trovare la persona giusta subito, non esisterebbero queste cose.»

«E la gelosia?»

«Dipende di che tipo di gelosia si tratta. C’è la gelosia malata, quella che hai così paura di perdere quella persona che la tratti come un oggetto di tuo possesso. Le scrivi 800 volte al giorno, gli guardi i suoi profili social ogni 30 secondi, ti incazzi se ti dice “stasera non ci sono perché vedo i miei amici” e tu pensi che esca con una. Ecco, se hai questo atteggiamento il tuo/a ragazzo/a, se è normale, è probabile che ti lasci. Perché se volevo tutte queste pressioni, esco con mia madre. (Ciao Mamma!) Se è la gelosia innamorata, quella umana, quella che quando vedi uno che parla con la tua ragazza, tu gli sorridi ma pensi che se lo investisse un camion carico di letame non sarebbe male, quella dove la tua felicità e la sua felicità sono complementari, cioè nessuna delle due prevale. Questa gelosia secondo me deve essere fondamentale in una relazione. Contenta?»

«In estasi. Ultima cosa.»

«Dimmi.»

«Sei veramente carino. Grazie»

«Ehi, ma dove vai? Non abbiamo pagato…il…conto…»

«Così impari a criticare il mio film preferito. Stronzo!»

«Ti voglio bene anche io»

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: